FORGOT YOUR DETAILS?

TETRAVALENTE

(difterite, tetano, pertosse, poliomielite)

Q&A

Domande & Risposte

Il vaccino tetravalente è un vaccino combinato che conferisce un’elevata efficacia protettiva da quattro gravi malattie: difterite, tetano, pertosse e poliomielite.

  • LA DIFTERITE, e' un batterio che produce una tossina è all'origine anche della difterite. Anche la difterite è una malattia grave, che può causare morte per soffocamento o per complicanze cardiache. Il tasso di mortalità è legato alla tempestività delle cure e può variare dal 3% al 23%. In Italia, dove più del 90% dei bambini, da decenni, è vaccinato, i casi notificati si sono progressivamente ridotti, e dal 1996 non ci sono più state notifiche.
  • IL TETANO, è causato da un germe – tuttora presente in Italia - che si trova nel terreno e che produce una tossina, la quale prova la malattia, che ha una mortalità superiore al 30%. Il vaccino è costituito da un’anatossina, cioè una tossina modificata, che non provoca sintomi, ma induce la produzione di anticorpi - ha bisogno di richiami ogni dieci anni. Poiché le spore del tetano sono presenti nel terreno e non sono trasmesse dalle persone, per il tetano non c’è immunità di branco.
  • LA PERTOSSE, detta anche tosse canina, è una malattia infettiva causata dal batterio Bordetella pertussis. Nel lattante può causare importanti difficoltà respiratorie e persino la morte. La vaccinazione di massa ha permesso di ridurre drasticamente l’incidenza di questa malattia, frequente in Italia fino a pochi decenni fa. Si registrano però alcuni casi d'infezione fra adolescenti e adulti che non sono stati rivaccinati, e che costituiscono un pericolo per i lattanti non ancora completamente vaccinati. Recentemente ci sono stati casi di morte di lattanti: per questo motivo si raccomanda, anche per gli adulti, in occasione dei richiami anti difterite e tetano, di utilizzare il vaccino trivalente con l’antipertosse.
  • La POLIOMIELITE, un tempo frequente anche nei paesi occidentali, oggi è ancora presente in alcune zone del mondo. È causata da un enterovirus, che si trasmette per via feco-orale, ad esempio per inquinamento dell’acqua. Può avere conseguenze gravi sul sistema nervoso provocando paralisi e, in qualche caso, la morte. Il vaccino vivo attenuato somministrabile per bocca fu messo a punto nel 1959 dal virologo Albert Sabin. Oggi, in Europa, dove da anni non si registrano casi, si utilizza un vaccino a virus inattivo, contenuto nel vaccino esavalente, più sicuro, anche se un po’ meno efficace.

Il vaccino esavalente si somministra con un'iniezione intramuscolare nella coscia o nella spalla, a seconda dell’età.

No, ma non e' saggio viaggiare in quei paesi dove ancora queste malattie sono largamente diffuse senza adeguata copertura vaccinale.

Come controindicazioni ci possono essere reazioni allergiche gravi (anafilassi) a una precedente dose di vaccino o a un suo componente.
In caso di febbre o disturbi generali, giudicati importanti dal medico, è meglio non sottoporsi al vaccino.

Entro uno o due giorni sono possibili effetti collaterali come reazioni locali nella sede dell’iniezione: arrossamento, dolorabilità, gonfiore, indurimento, eritema, ingrossamento delle linfoghiandole. Possono verificarsi inoltre (di solito entro 2 o 3 giorni): febbre, anche alta, vomito, diarrea, esantemi, irritabilità, pianto continuo o anomalo.
Nella maggioranza dei casi, questi effetti collaterali sono di lieve entità e durata.
Molto raramente possono verificarsi reazioni più gravi a carico del sistema nervoso, dell’apparato gastro-intestinale, della cute e del tessuto sottocutaneo.
Tuttavia la frequenza di effetti collaterali gravi è sempre di gran lunga inferiore alle complicanze delle malattie da cui i vaccini proteggono.
Solo in casi eccezionali si possono manifestare reazioni allergiche gravi che costituiscono pericolo di vita per il bambino.

Il vaccino tetravalente costa 45 euro.

TOP